Reports
Comenius al Galilei

Il Progetto COMENIUS bilaterale che coinvolge 22 studenti del Galilei e 22 di una Scuola Superiore di Bad Harzburg (Germania- Bassa Sassonia) è alle battute finali.

Dopo circa due settimane di permanenza a Civitavecchia e a Santa Marinella, ospiti delle famiglie degli Studenti del Galilei, i giovani tedeschi il 3 maggio faranno ritorno a casa.

Durante il loro soggiorno, è stato approfondito il tema del COMENIUS avviato lo scorso anno con il soggiorno dei ragazzi del Galilei n Germania, il RUOLO della DONNA nel Novecento.

L’interessante materiale didattico prodotto dagli studenti e del Galilei e dai loro partner tedeschi è stato proiettato nell’aula magna del liceo e sarà ora disponibile sui siti istituzionali delle due Scuole, interamente in inglese e fruibile on line. Il lavoro offre, grazie alle interviste rilevate dai 44 ragazzi (22 tedeschi e 22 italiani) presso madri e nonne, un interessante spaccato di come la situazione della donna abbai conosciuto, nel coro del Novecento, significative evoluzioni. I dati emersi dalle interviste sono stati elaborati statisticamente presentati in forma prima aggregata e poi distinta fra i due Paesi.

La visita della delegazione tedesca è stata aperta il 22 aprile dall’Assessore Paola Rita Stella che ha loro porto il benvenuto nell’aula magna del Galilei . Ha fatto poi seguito la visita ufficiale di Docenti e studenti italiani e tedeschi a Palazzo del Pincio, dove il Sindaco Avvocato Pietro Tidei, alla presenza degli Assessore Stella e Leopardo e del delegato alle Politiche Giovanili Giannini ha porto il saluto ufficiale sottolineando l’importanza dello scambio e della conoscenza fra culture europee, nell’ottica di una reale fondazione dell’Europa come casa comune.

La festa di commiato, organizzata con un ricco buffet dai genitori degli studenti italiani che hanno ospitato i giovani tedeschi,si è svolta nella serata del 2 maggio a Santa Marinella, nella sede scolastica; è intervenuto per saluto agli studenti ed ai docenti coinvolti nel progetto, il delegato alla cultura Pino Galletti, in rappresentanza del Comune di S.Marinella. La festa è poi proseguita in allegria e con un pizzico di malinconia per l’imminente partenza. Nel corso della tappa italiana del Comenius, i giovani tedeschi, con i loro ospiti italiani, hanno svolto ed esposto, sempre rigorosamente in lingua inglese e con l’aiuto dei sussidi multimediali, lavori sul progetto, hanno visitato Roma e si sono concessi un breve week end a Napoli; ma soprattutto hanno vissuto, per circa due settimane la vita dei loro coetanei di Civitavecchia e Santa Marinella condividendone, in famiglia, abitudini, affetti, svago, in restituzione dell’ospitalità a loro volta data dalle famiglie tedesche agli studenti del Galilei l’anno scorso.

Buono il riscontro sui risultati del Progetto da parte della referente ed ideatrice del Progetto, l’infaticabile Professoressa Loredana Di Crescenzo e delle Professoresse Cinzia Amorosi e Ileana Pietranera che hanno validamente collaborato. La Dirigente Maria Zeno, soddisfatta del Progetto che ha seguito nelle sue varie fasi, ringrazia quanti hanno contribuito alla sua realizzazione, rappresentanti istituzionali , Docenti, Personale ATA, studenti e naturalmente le famiglie degli studenti,splendide nella loro generosità e spirito di accoglienza.

 
Report November 2011
Non ci sono traduzioni disponibili.

On November 04, 2011 we have officially "opened" the Comenius project with an Italian evening. For this evening we invited both parents, friends and teachers. Every participant brought a typical Italian dish. Beverages were also provided. After both Mrs Treinies and Mrs Mettge had said a few words, everyone (our parents and we) served ourselves from the abundant buffet.

Of course, we did not only eat this month. During our first official meeting, we collected our ideas thoughts about Italy using a "quiz" . At the end of this project we will fill in this form again. Then we should be able to answer all of the questions. In addition, we distributed the various tasks of this project and immediately began to work on them.

We worked hard the whole week, so we treated ourselves to a break on a Friday and skipped the next meeting. We still have a whole lot to do and we are excited to see what comes next.

 


© 2019 100 Years of Being a Woman
This is a free joomla template by funky-visions.de
FVTECHBLOG0808